Nuove regole per la pesca sul Lago di Bilancino

pesca sportiva

Zona a Regolamento Specifico Invaso di Bilancino

 

In allegato a questa pagina è possibile scaricare la locandina con il nuovo disciplinare di pesca sul Lago di Bilancino e l'elenco degli esercizi autorizzati al rilascio dei permessi.

 

 

 

 


Presentata il 28 agosto in conferenza stampa in Palazzo Strozzi la "Zona a Regolamento Specifico Invaso di Bilancino"

I pescatori muniti di permesso potranno praticare la pesca ‘no kill’ (quindi con rilascio del pesce in acqua) nei 5 km quadri che risultano inseriti nella “zona a regolamento specifico” dell’invaso.

La gestione dell’area è stata affidata alla F.I.P.S.A.S - Federazione Italiana pesca sportiva e attività subacquee - che oltre a curare la corretta fruibilità della zona nel rispetto del disciplinare di pesca, coordinerà anche l’importante attività di vigilanza ittica sia diurna che notturna.

“Un dovuto ringraziamento va alla Regione Toscana per l’interesse che ha dimostrato fin dall’inizio in questo progetto – commenta l’Assessore allo Sport, caccia e pesca del Comune di Barberino Aleandro Del Mazza -  Un lavoro capillare svolto dal Comune insieme a Fipsas e regione toscana durato 8 mesi.

La realizzazione di una zona a regolamento specifico – continua Del Mazza - insieme alla prossima riqualificazione dell’ex Bagno Maria, area anch’essa in gestione alla Federazione Italiana Pesca Sportiva che a breve diverrà un’area dedicata alla pesca sportiva ed alle attività subaquee, è un passo fondamentale per dare seguito alla vocazione sportiva per natura del lago. Un aspetto importante anche in chiave turistica visto il grande interesse che un’area come quella di Bilancino suscita per gli amanti della pesca sportiva.

Ovviamente si tratta di un piccolo tassello di un mosaico che stiamo cercando di costruire insieme alla Regione Toscana, per far sì che l’invaso di Bilancino non rimanga soltanto un importantissimo e fondamentale bacino idrico per tutta l’area ma che diventi finalmente un volano allo sviluppo turistico ed economico di tutta l’area del Mugello”.