Cambio di residenza

Cambio di residenza

Ufficio: Servizi Demografici
Referente: Munastra Nadia, Novelli Giovanna
Indirizzo: V.le della Repubblica, 24
Tel: 055/8477210-1-2
Fax: 055/8477299
E-mail: anagrafe@comune.barberino-di-mugello.fi.it
Orario di apertura: lun.,merc., ven.e sab. 8,30-12,30 /mart. e giov. 15,00-18,00

Descrizione

Il cittadino può richiedere il cambio di residenza all'interno del comune, da altro comune e dall'estero.

Modalità di richiesta

Ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 e dell'art. 65 del Codice dell'Amministrazione Digitale (CAD), di cui al D.Lgs n. 82/2005, i cittadini potranno presentare le dichiarazioni anagrafiche nei seguenti modi:

  • Invio a mezzo raccomandata: Comune di Barberino di Mugello - Servizi Demografici, V.le della Repubblica 24, 50031 Barberino di Mugello (FI).
  • Presso lo sportello Anagrafe: muniti della documentazione necessaria
  • Per fax: al n. 055/8477299
  • e-mail ad anagrafe@comune.barberino-di-mugello.fi.it allegando copia della dichiarazione recante la firma autografa o digitale e la copia del documento d'identità del dichiarante scansionate
  • PEC: solo da un indirizzo di posta certificata a barberino-di-mugello@postacert.toscana.it

La dichiarazione deve essere sottoscritta dal richiedente e dalle persone maggiorenni che insieme a lui trasferiscono la residenza.
Alla dichiarazione devono essere allegate le copie dei documenti d'identità di tutti i sottoscrittori.
Il cittadino proveniente da uno Stato estero, ai fini della registrazione in anagrafe del rapporto di parentela con altri componenti della famiglia, deve allegare la relativa documentazione, in regola con le disposizioni in materia di traduzione e legalizzazione dei documenti.

Documentazione da presentare

Per cittadini italiani:

  • documento d'identità di tutti i richiedenti maggiorenni
  • patente di guida italiana se posseduta
  • targhe di eventuali veicoli intestati
  • conttratto d'affitto o di comodato d'uso
  • se non in possesso del contratto di affitto o di comodato d'uso, dichiarazione resa dal/la propietaroi/a corredata da documento d'identità del dichiarante

Per cittadini comunitari è necessario anche:

  • documentazione riguardante il lavoro o lo studio oppure attestazione di regolarità di soggiorno rilasciata dal comune italiano di precedente residenza;

Per i cittadini extracomunitari è necessario anche:

  • passaporto;
  • permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura

 

Costi

Nessuno

Tempi

Nei due giorni lavorativi successivi alla presentazione della dichiarazione verrà effettuata la registrazione anagrafica, fermo restando che gli effetti giuridici della stessa decorrono dalla data di presentazione.

Gli accertamenti verranno svolti a seguito della dichiarazione resa per verificare la sussistenza dei requisiti previsti per l'iscrizione stessa e, trascorsi 45 giorni dalla dichiarazione resa o inviata senza che sia stata effettuata la comunicazione dei requisiti mancanti, l'iscrizione s'intende confermata.

Nel caso in cui l'accertamento della dimora abituale dia esito negativo, l'Ufficiale d'Anagrafe provvederà alla comunicazione all'interessato dei requisiti mancanti o degli accertamenti negativi svolti. In tal caso l'interessato entro 10 giorni dal ricevimento di tale comunicazione ha diritto di presentare per iscritto le proprie osservazioni, eventualmente corredate da documenti.

In caso di accertamento negativo l'interessato decadrà immediatamente dai benefici acquisiti, sarà cancellato dall'anagrafe con effetto retroattivo e denunciato alla competente autorità per le responsabilità penali conseguenti alle dichiarazioni false o dichiarazioni mendaci, ai sensi degli artt. 75 e 76 del D.P.R. 445/2000.

Avvertenze

ATTENZIONE: parallelamente alla semplificazione del procedimento di iscrizione anagrafica, sono state inasprite le sanzioni amministrative e penali nei casi di dichiarazioni false o mendaci.
Di seguito si riportano gli atricoli del D.P.R. 445/2000 relativi a dichiarazioni false o mendaci:

ART. 75 - DECADENZA DAI BENEFICI: 
1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 76, qualora dal controllo di cui all'articolo 71 emerga la non veridicita' del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.

ART. 76 - NORME PENALI: 
1. Chiunque rilascia dichiarazioni mendaci, forma atti falsi o ne fa uso nei casi previsti dal presente testo unico è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia.
2. L'esibizione di un atto contenente dati non piu' rispondenti a verita' equivale ad uso di atto falso.
3. Le dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli articoli 46 e 47 e le dichiarazioni rese per conto delle persone indicate nell'articolo 4, comma 2, sono considerate come fatte a pubblico ufficiale.
4. Se i reati indicati nei commi 1, 2 e 3 sono commessi per ottenere la nomina ad un pubblico ufficio o l'autorizzazione all'esercizio di una professione o arte, il giudice, nei casi piu' gravi, puo' applicare l'interdizione temporanea dai pubblici uffici o dalla professione e arte.

Normativa di riferimento

DPR 223/1989 vigente al 18/08/2015- Legge n. 35/2012 art. 5